website builder

NEW          RESTORATION           RENOVATION          NEW  BUILDINGS          LANDSCAPE          EXHIBITION          DESIGN          COMPETITION          SECURITY & FIRE  PREVENTION          ALL

RECUPERO E RESTAURO CONSERVATIVO DELLE FACCIATE DEL PALAZZO S. FRANCESCO A DOMODOSSOLA (VB) - Edificio vincolato dalla Soprintendenza Beni Artistici ed Architettonici del Piemonte


Il progetto ha affrontato il delicato tema del reinserimento di uno dei più importanti edifici storici di Domodossola, tutelato dalla Soprintendenza, nel tessuto urbanistico della città, reso possibile mediante il restauro ed il risanamento conservativo dei suoi prospetti esterni, la valorizzazione degli accessi e lo studio dell’illuminazione esterna in concomitanza con la trasformazione dell’intera Piazza. Il progetto ha previsto il restauro delle superfici intonacate, la tinteggiatura di tutte le facciate riproponendo le antiche coloriture emerse grazie ai saggi stratigrafici, il rifacimento di tutti i serramenti del primo piano e del piano sottotetto. Tale operazione è stata realizzata mantenendo inalterata l’estetica originale ma utilizzando vetri camera basso emissivi a taglio termico in vista della prossima utilizzazione a fini museali degli spazi interni. Palazzo San Francesco è tornato in questo modo ad essere il maggiore polo museale della Città.


  • Committente: Comune di Domodossola (VB)
  • Periodo di esecuzione: 2008 -2010 
  • Professionisti incaricati: A.T.P. Arch. Chiara Zocchi (capogruppo), Arch. Erika Piacentino, Arch. Davide Virga (giovane professionalità)
  • Prestazioni professionali: PD-PE-DL-C
  • Importo lavori: € 320.000,00 di cui € 253.368€ di importo lavori inclusi oneri della sicurezza, € 9.614,10 di variante in corso d’opera e € 22.485,00 di opere esterne all’appalto 
  • Impresa: Nicola Restauri, Aramengo (AT)
  • Classe e categoria: E.22 – Interventi di manutenzione, restauro, risanamento conservativo, riqualificazione, su edifici e manufatti di interesse storico artistico soggetti a tutela ai sensi del decreto legislativo n. 42/2004, edifici pubblici